La fisioterapia per il mal di testa

Quante volte ti è capitato di svegliarti ed avere un mal di testa così forte da rovinarti la giornata? Ti dirò che è una cosa molto comune, ed in questo articolo voglio approfondire perché succede, chi ne è colpito e come la fisioterapia può essere d'aiuto per te.

4/15/2022
Fisioterapia
Matteo Pini

La fisioterapia: un valido alleato per il tuo mal di testa

La fisioterapia può fare qualcosa per il tuo mal di testa? Stai cercando di capire il perché di questo tuo problema fastidioso e a volte molto invalidante? Vorresti sapere come puoi trattarlo?

Devi sapere che per dare risposta a questi tuoi dubbi l’ultima cosa che devi fare è metterti al computer e cercare sul web. Infatti, lì troverai centinaia di diagnosi possibili, spesso accomunate da molti sintomi, ma che variano tra di loro per storia clinica, cause scatenanti o fattori contribuenti.

La diagnosi e la terapia si basano innanzitutto sull’ascolto approfondito della tua storia,  sull’individuazione all’interno di essa dei principali fattori contribuenti e sulla gestione del tuo mal di testa.

Questo avviene spesso a livello multidisciplinare tra fisioterapista, medico e nutrizionista, meglio se specializzati in quest’ambito.

La fisioterapia soprattutto, negli ultimi anni si sta affermando come valido strumento terapeutico in varie situazioni.

Se sei interessato a saperne qualcosa in più di quanto ti ho appena accennato dedica 5 minuti alla lettura dei prossimi paragrafi.

Definizione di mal di testa

Parlando di mal di testa, cefalea in gergo medico, indichiamo un frequente problema a livello neurologico con un forte impatto sociale.

Chiunque di noi avrà sofferto o soffrirà di dolori alla testa almeno una volta nella vita e spesso questo porterà a perdere ore lavorative o a  isolarsi socialmente.

Cefalea però è un termine ad ombrello, cioè raggruppa e descrive una vastità di patologie, quadri sintomatici complessi con svariate cause spesso concomitanti tra loro.

Ciò che è però comune alla maggior parte dei mal di testa è la presenza di un sistema nervoso molto sensibile (questo non vuol dire che è malato o che ci sia qualche danno, tranquillo) e una serie di fattori contribuenti che influenzano direttamente la manifestazione dei sintomi agendo come degli interruttori on/off.

Perché ho mal di testa?

Il dolore alla testa è l’espressione del tentativo di protezione da parte del tuo sistema nervoso, da una danno potenziale, quando gli stimoli esterni e/o interni a cui è sottoposto eccedono le sue capacità in quel dato momento.

La maggior parte delle volte non c’è nessun danno fisico reale, alla base di questo sistema. Le cause del superamento della soglia e del tuo mal di testa possono essere diverse.

Le cause

In base a come insorgono e alle cause  possiamo fare una distinzione delle cefalee:

  • Cefalee primarie. Sono quelle che nascono da meccanismi non conosciuti o solo parzialmente e non sono derivanti da altri disordini sottostanti, come la cefalea tensiva o l’emicrania.
    Negli ultimi anni si parla molto di multifattorialità d’insorgenza perchè sono stati riscontrati numerosi fattori che influenzano la manifestazione e lo sviluppo, i cosiddetti fattori scatenanti o facilitanti.
  • Cefalee secondarie, scaturiscono secondariamente a patologie sottostanti, che in genere non sono particolarmente importanti come quelle cervicogenica o di origine temporomandibolare, però a volte possono essere anche piuttosto gravi come nel caso di ictus o neoplasie.

I fattori contribuenti e scatenanti del mal di testa

Poco fa ti ho parlato dei fattori scatenanti, conosciuti anche con il termine trigger (ovvero grilletto); ora ti spiego meglio cosa sono.

Con questo termine vengono definiti tutti quegli stimoli, interni o esterni al nostro corpo, che sono in grado “di far partire l’incendio” (il tuo mal di testa) in soggetti che in quel preciso momento hanno una situazione di maggior sensibilità del sistema d’allarme (il sistema nervoso).

Tra i fattori trigger quelli più comuni e frequentemente descritti troviamo:

  • nutrizione e abitudini nutrizionali;
  • cattiva gestione dello stress sia in ambito lavorativo che personale;
  • problematiche neuro-muscolo-scheletriche soprattutto della regione cervicale;
  • disturbi del sonno;
  • alterazioni ormonali;
  • cattivo utilizzo di medicinali;
  • condizioni metereologiche o ambientali;
  • sedentarietà o attività fisica troppo intensa;
  • stimoli sensoriali forti.
Lo stress lavorativo e la sedentarietà sono fattori trigger molto presenti in chi soffre di mal di testa

Il mal di testa da cervicale

Le problematiche della colonna cervicale, come ti ho già raccontato in un precedente articolo, oltre ad essere tra le più frequenti della colonna, possono essere anche la causa di cefalee secondarie o uno dei fattori trigger principali delle cefalee primarie.

Questo è dovuto al fatto che problemi meccanici articolari e disfunzioni muscolari possono portare ad un’aumentata sensibilità del tuo sistema nervoso.

Quindi se sei già predisposto per la presenza di una condizione ereditaria o per la concomitanza di altri fattori  contribuenti, questo inizierà a interpretare in modo anomalo le informazioni provenienti dai vari sensi.

Il tutto darà il via ad un meccanismo di protezione il cui segnale d’allarme è il dolore, cioè la cefalea.

Star meglio dal mal di testa è possibile

Non ti preoccupare però, perché un modo per stare meglio c’è.

Dovrai agire contemporaneamente sui vari fattori contribuenti presenti affidandoti a professionisti specializzati in ambito di cefalee che ti guideranno a comprendere meglio quali essi possano essere e a come poterci lavorare sopra.

Permettimi di essere sincero.

Non voglio farti false promesse e per questo è importante che tu capisca che mentre nelle cefalee secondarie lavorare sulle cause nella maggior parte dei casi porterà a risoluzione pressoché completa dei tuoi mal di testa, nel caso di cefalee primarie l’obiettivo sarà quello di migliorare la tua qualità di vita riducendo intensità, quantità e frequenza degli attacchi senza però che sia possibile una completa risoluzione del tuo problema.

Ti mostro ora gli ambiti in cui è possibile intervenire.

Terapia medica e farmacologica

Importante è una valutazione medica da parte di un professionista specializzato nelle cefalee per escludere patologie gravi e per impostare una corretta terapia farmacologica.

Questo è necessario principalmente nelle cefalee primarie evitando il fai da te o l’assunzione di farmaci inefficaci o inutili perchè possono essere essi stessi dei fattori scatenanti.

L’aiuto della fisioterapia per il mal di testa e l’attività fisica

La problematica neuro-muscolo-scheletrica della colonna cervicale nelle cefalee può essere la chiave, per risolvere completamente o anche solo parzialmente il tuo mal di testa.

Il compito e le competenze per una buona gestione di questa situazione sono nelle mani del fisioterapista specializzato in terapia manuale.

Una buona e attenta visita fisioterapica della zona cervicale, ma non solo, e un conseguente trattamento a base di terapia manuale ed esercizi per il tuo collo, possono fare la differenza nel recuperare il tuo stato di benessere.

Esercizi fisioterapia mal di testa
Gli esercizi sono fondamentali per il mal di testa che origina dalla colonna cervicale

Come incide lo stile di vita sul tuo mal di testa

Un altro aspetto che devi attentamente considerare e analizzare è il tuo stile di vita, e in particolare fattori quali

  • le tue abitudini alimentari,
  • quanto ti muovi,
  • come gestisci lo stress nelle varie situazioni giornaliere.

Siamo ciò che mangiamo

Oggi giorno la nutrizione è considerata sempre più una vera e propria medicina e consigli nutrizionali sono ormai presenti nei programmi terapeutici per qualsiasi patologia, sia essa di natura cardiovascolare, reumatica, metabolica, scheletrica ma anche neurologica o dermatologica.

Come ti ho accennato in precedenza l’alimentazione è uno dei principali fattori trigger per il mal di testa primario. Cosa mangiamo, in che quantità e la qualità degli alimenti possono influenzare in negativo o in positivo il tuo mal di testa.

Infatti, spesso ci sono alcune categorie di cibi che funzionano da veri e propri interruttori per il tuo mal di testa.

Anche qui risulta fondamentale farsi aiutare da un professionista che abbia la conoscenza e sappia gestire questo tipo di problematiche.

Stress e movimento

Le tue abitudini quotidiane e la capacità di saper gestire la richiesta emotiva e psicologica lavorativa e della vita sociale possono incidere negativamente sullo stress. Lo stress non è di per sé un elemento negativo, bensì un fisiologico adattamento per permetterti di affrontare le sfide che giungono dal mondo esterno e interno.

Privazione di sonno o insonnia, troppo poca o esagerata attività fisica sono altresì elementi che possono influenzare negativamente lo stress psico-fisico e di conseguenza accendere il tuo mal di testa.

Conclusioni sulla fisioterapia per il mal di testa

Avrai sicuramente capito che la gestione del mal di testa, la maggior parte delle volte, deve essere fatta in maniera multidisciplinare. Non fidarti quindi di chi ti propone soluzione “magiche”.

Se soffri di cefalea e non hai mai fatto valutare la tua colonna cervicale o fatto della fisioterapia specifica per il tuo mal di testa noi ti aspettiamo nei nostri centri di riabilitazione.

Bibliografia:

  1. Association of diet and headache.
    Razeghi Jahromi S, Ghorbani Z, Martelletti P, Lampl C, Togha M; School of Advanced Studies of the European Headache Federation (EHF-SAS).
    J Headache Pain. 2019 Nov 14;20(1):106. doi: 10.1186/s10194-019-1057-1.
    PMID: 31726975
  2. Upper cervical and upper thoracic manipulation versus mobilization and exercise in patients with cervicogenic headache: a multi-center randomized clinical trial.
    Dunning JR, Butts R, Mourad F, Young I, Fernandez-de-Las Peñas C, Hagins M, Stanislawski T, Donley J, Buck D, Hooks TR, Cleland JA.
    BMC Musculoskelet Disord. 2016 Feb 6;17:64. doi: 10.1186/s12891-016-0912-3.
    PMID: 26852024
  3. Do manual therapy techniques have a positive effect on quality of life in people with tension-type headache? A randomized controlled trial.
    Espí-López GV, Rodríguez-Blanco C, Oliva-Pascual-Vaca A, Molina-Martínez F, Falla D.
    Eur J Phys Rehabil Med. 2016 Aug;52(4):447-56. Epub 2016 Feb 29.
    PMID: 26928164
  4. Association of diet and headache.
    Razeghi Jahromi S, Ghorbani Z, Martelletti P, Lampl C, Togha M; School of Advanced Studies of the European Headache Federation (EHF-SAS).
    J Headache Pain. 2019 Nov 14;20(1):106. doi: 10.1186/s10194-019-1057-1.
    PMID: 31726975
  5. Level of physical activity, well-being, stress and self-rated health in persons with migraine and co-existing tension-type headache and neck pain.
    Krøll LS, Hammarlund CS, Westergaard ML, Nielsen T, Sloth LB, Jensen RH, Gard G.
    J Headache Pain. 2017 Dec;18(1):46. doi: 10.1186/s10194-017-0753-y. Epub 2017 Apr 18.
    PMID: 28421374

Matteo Pini

Laureato in Fisioterapia nel 2008, si è nel tempo specializzato in Terapia Manuale e Manipolativa con un Master ed un cOMT. Negli anni ha avuto esperienza con squadre di livello quali F.C. Lugano e la pallavolo Lugano LNA Femminile. Dal 2017 è co-titolare del gruppo Fisio Salute.

Sei interessato a questo servizio?

Scrivici o chiamaci per informazioni

Contattaci