La Vacuumterapia

In questo articolo ti voglio spiegare cosa sia la Vacuumterapia e come può esserti utile. E’ una terapia poco invasiva e molto utile per varie problematiche specialmente in campo estetico. Permette di trattare infatti inestetismi come la cellulite e di rimodellare il corpo tramite un “linfodrenaggio meccanico”.

4/15/2022
Fisio Estetica
Elisabetta Cerutti

Conosciamo la Vacuumterapia

Ogni donna come te ha desiderato avere una pelle liscia e compatta. Sai però che 9 donne su 10 soffrono di inestetismi della pelle come cellulite e lassità cutanea? 

La vacuumterapia è un potente alleato per combattere i segni che portano allo sviluppo di queste problematiche come la cosiddetta buccia d’arancia.

Ma perché questa compare? La buccia d’arancia si presenta quando non si assumono abbastanza liquidi, si soffre di ritenzione idrica e non si segue una dieta sana ed equilibrata. Queste cattive abitudini, interagiscono in maniera negativa con il nostro corpo, dando libero sfogo agli inestetismi cutanei.

Gli inestetismi fanno parte della donna già dai tempi antichi, ed è da altrettanto tempo che si cercano soluzioni a questo problema. 

Cos’è la vacuumterapia?

La Vacuumterapia è una tipologia di massaggio che sfrutta differenze di pressioni per stimolare la circolazione superficiale linfatica e venosa.

E’ una tecnica molto antica, infatti ha origini in Cina. Per trattare questi inestetismi venivano usate delle coppette che tramite il fuoco venivano sterilizzate e private dell’ossigeno al loro interno e successivamente appoggiate sulla pelle. Questa tecnica definita anche massaggio a coppettazione, grazie al vuoto che si creava all'interno delle coppette richiamava sangue nella zona dove erano applicate stimolando così la circolazione dei fluidi linfatici e vascolari. 

Negli anni molte aziende si sono organizzate per produrre macchinari che ricreassero la vacuumterapia, spesso associandola con infrarossi, radiofrequenza o altre terapie fisiche.  Altre macchine sono dotate di rulli al fine di combinare il massaggio, che ricorda quello manuale, al risucchio meccanico. 

Questa terapia ricrea tramite dei manipoli il vuoto, da cui il termine vacuum, ovvero una specie di risucchio, capace di esercitare una forza tirante sulla pelle con l’obiettivo di stimolare il microcircolo superficiale; l’effetto ventosa che il macchinario ricrea, permette di aumentare l’afflusso di sangue nella zona con conseguente aumento dell’ ossigenazione della pelle e un più rapido rinnovo cellulare eliminando le tossine accumulate negli strati della pelle.

La vacuumterapia è in grado di ricreare il vuoto sulla pelle per stimolare il microcircolo superficiale

Perché è utile in ambito estetico?

Negli ultimi anni l’uso prevalente di questa terapia è in ambito estetico.  E’ ottima per ridurre la ritenzione idrica e per riattivare la circolazione sanguigna soprattutto perché è una tecnica poco invasiva e pressoché priva di controindicazioni oltre che molto efficace fin dalle prime sedute.

L’effetto a ventosa che si ottiene genera un maggior afflusso sanguigno nell’area trattata, portando:

  • una migliore circolazione;
  • un aumento del drenaggio vascolare e linfatico;
  • un ricambio di sostanze più rapido;
  • rilassamento della muscolatura;
  • l’eliminazione delle tossine.

La stimolazione del drenaggio linfatico, non ha solo benefici estetici legati alla cellulite, ma favorisce anche la riduzione dello stress, della stanchezza e dei gonfiori localizzati. Il trattamento è efficace anche sulle vene varicose ed i capillari evidenti; bisogna però prestare attenzione a non essere troppo aggressivi o potrebbero verificarsi  la comparsa di ematomi o l’aggravamento del problema. La vacuum terapia, in dermatologia, è utilizzata anche nel trattamento localizzato di acne, cicatrici cutanee e ustioni.

I benefici della terapia vacuum:

Questa terapia ha notevoli benefici tra cui:

  • Ridurre la ritenzione idrica
  • Rimodellare e rassodare la silhouette
  • Stimolare il ricambio cellulare
  • Facilitare lo smaltimento di scorie e tossine
  • Migliorare la circolazione sanguigna
  • Migliorare l’ossigenazione dei tessuti
  • Rallentare la tensione muscolare
  • Curare lesioni acneiche
Tra i benefici della vacuumterapia, anche il trattamento dell’acne al viso

Oltre che è in grado di trattare inestetismi tipici di chi si rivolge a trattamenti di fisio-dermica per ottenere un miglioramento della propria pelle senza ricorrere alla chirurgia. 

Cosa puoi ottenere dalla vacuum terapia? 

  • Migliorare l’elasticità cutanea;
  • Eliminare la flaccidezza;
  • Rimodellare il corpo dopo il parto ed altri tipi di interventi;
  • Alleviare i dolori muscolari;
  • Pulire i pori.

A chi è utile il trattamento con vacuum?  

La vacuum terapia si propone come una soluzione, rapida e indolore, a chi soffre di numerosi inestetismi cutanei e patologie, come:

  • Cellulite: la cellulite è una malattia dello strato adiposo sottocutaneo, ci sono diversi gradi di cellulite ma tutti influiscono sull’aspetto della cute, se vuoi saperne di più ti consiglio di leggere l’articolo che abbiamo pubblicato su questo argomento. La vacuum terapia, attraverso la stimolazione della circolazione sanguigna e linfatica, favorisce l’eliminazione momentanea delle cellule adipose che provocano gli inestetismi.
  • Linfedemi: si tratta di una condizione patologica in cui si verifica un  accumulo di linfa, soprattutto negli arti, causato da un problema di ricircolo del sistema linfatico. La vacuum terapia stimola la circolazione della linfa immettendola nei capillari evitando la stasi nei tessuti cutanei ;
  • Vene varicose e teleangectasie: sono dovute ad una dilatazione patologica e permanente di una vena, causata da una modificazione delle pareti venose. In questo caso la vacuum terapia, aiuta il ricircolo del sangue venoso evitando che si accumuli nelle gambe per esempio, interrompendo questo schema patologico.
Esempio di teleangectasie: indice di sofferenza della microcircolazione sanguigna
  • Acne: l’acne è un inestetismo della pelle causato da proliferazioni batteriche, la vacuumterapia permette di eliminare le tossine presenti negli strati cutanei acneici e migliorare l’ossigenazione cellulare riducendo la quantità di batteri nella zona;
  • Cicatrici: attraverso il processo di risucchio esercitato sulla cute, la vacuum terapia esercita una sorta di massaggio sui tessuti e trazionando la pelle provoca la separazione dei vari strati di tessuto, migliorando l’elasticità del tessuto e della cicatrice;

Più semplicemente, la vacuum terapia è utilissima a chi:

  • sente le gambe gonfie e pesanti soprattutto a fine giornata. Sono sicura anche tu passerai la maggior parte della tua giornata o in piedi o seduta e questo mette in difficoltà il tuo sistema circolatorio e linfatico 
  • soffre di ritenzione idrica e di difficoltà di circolazione, diretta conseguenza del lavoro sedentario e statico di cui parlavo al punto precedente.
  • ha segni sulla cute come cicatrici e acne.

Come si svolge una seduta di vacuumterapia?

Una volta fatta la prima valutazione e identificato che la vacuum terapia è la soluzione giusta per il tuo problema, la fisioterapista imposterà il tuo percorso di trattamento personalizzato.

Solitamente il trattamento viene fatto 1 massimo 2 volte a settimana per almeno 5-6 settimane. Successivamente verrà impostato un programma di mantenimento con sedute dilazionate circa una volta al mese fino alla conclusione del percorso.

Il numero di sedute varia a seconda della gravità del problema. L’inestetismo della cellulite andrà comunque trattato nel tempo con sedute di mantenimento, da effettuare a distanza di qualche mese l’una dall’altra.

Vacuumterapia sull’addome: ecco come rimodellare la silhouette dopo la gravidanza

Fati attenzione però, questo trattamento elimina momentaneamente le cellule adipose che provocano gli inestetismi, ma non può impedire che queste si rigenerino in futuro. Di conseguenza è importante associare a questa terapia uno stile di vita sano ed equilibrato al fine di ritardare o prevenire il più possibile il ritorno degli inestetismi.

Per questo motivo sarebbe bene abbinare al trattamento:

  • un’idratazione efficace e costante, in modo che l’acqua aiuti il tuo organismo nel processo di eliminazione delle scorie e nel miglioramento del microcircolo
  • un ‘alimentazione sana ed equilibrata ricca di nutrienti utili per rinforzare le pareti venose e per migliorare la circolazione superficiale
  • uno stile di vita attivo per mantenere muscoli forti e sani che rappresentano la pompa attiva che si contrappone alla stasi liquida nei tessuti, specie nelle gambe

Controindicazioni della vacuumterapia

L’aspetto più curioso di questa terapia è che oltre a dare risultati visibili e percepiti dalla paziente anche in prima seduta non ha grandi controindicazioni, ma è sconsigliata:

  • alle donne in gravidanza 
  • alle persone sotto terapia anticoagulante 
  • zone con ferite aperte o infette
  • pazienti con impianto di pacemacker

Mentre deve essere valutata attentamente in pazienti che soffrono di vene varicose, capillari fragili e pressione alta. Infatti c’è il  rischio di creare ematomi specie se la zona viene trattata troppo a lungo e in maniera troppo aggressiva, ricorda che i vasi linfatici e vascolari sono sottili e in persone che soffrono di difficoltà di circolazione spesso sono anche fragili. 

La misurazione della temperatura degli arti inferiori è uno dei test effettuati durante la valutazione fisioestetica

Ecco perché prima di sottoporti a qualunque terapia ti suggerisco di fare prima un’attenta valutazione con una fisioterapista specializzata in questo ambito, la cosiddetta Fisio-estetica o Fisio-dermica.

Per il resto, in quanto trattamento rapido e assolutamente indolore, chiunque può fruire della vacuum terapia.

Conclusioni sulla vacuumterapia

Prendersi cura di se stesse è una coccola ed un dovere, soprattutto se questi inestetismi vanno a minare l’autostima. 

Se a maggior ragione questi inestetismi si accompagnano a problematiche serie fino a diventare delle vere e proprie patologie, devi davvero iniziare e prenderti cura di te.

La vacuum terapia è solo uno dei trattamenti che puoi utilizzare per iniziare questo percorso. L’importante è rivolgersi a personale specializzato e che condivida i tuoi obiettivi di benessere. 

Per aiutarti ulteriormente puoi associare al linfodrenaggio meccanico altri strumenti, sia medico-estetici sia nella comodità di casa, come fanghi (link articolo fanghi anticellulite), creme o attività fisica (link esericizi cellulite in 10minuti) su misura per la tua condizione. 

Tutte queste soluzioni sono pensate per aiutare quelle 9 donne su 10 a sentirsi meglio con il proprio corpo.

Se vuoi iniziare questo percorso non resta che contattarci e fissare la tua prima valutazione per conoscerci e risponderemo a tutte le tue domande.

Il cambiamento dipende da te.

Bibliografia 

Elisabetta Cerutti

Dopo essersi laureata nel 2016, ha continuato a formarsi con un successivo Master in Terapia Manuale proposto dalla NAIOMT (ovvero il North American Institute of Orthopaedic Manual Therapy), ottenendo il titolo cOMT. Attualmente approfondisco le mie competenze cliniche operando a Fisio Salute come fisioterapista manuale e dermato funzionale.

Sei interessato a questo servizio?

Scrivici o chiamaci per informazioni

Contattaci